La terapia strumentale nel trattamento della lombosciatalgia

La terapia strumentale nel trattamento della lombosciatalgia

Dalla fase acuta alla fase sub-acuta e riabilitativa

Sabato 2 aprile 2016
orario 9,30 – 18,00
Hotel Diamante
Viale della Valletta, 180
15122 Spinetta Marengo (AL)

Direttore del Corso e Docente: Gianluca Bernabei
Il Corso assegna crediti ECM

Razionale Scientifico

“Low back pain” così viene definito dagli anglosassoni il mal di schiena, patologia sempre più frequente nella popolazione italiana e che spesso diventa invalidante e porta a costi elevati per la spesa sanitaria. Nel programma del Corso si entrerà nell’argomento analizzando teoria e pratica clinica, realmente affrontata in un Centro di Recupero e Rieducazione Funzionale di 1° livello. Tale esperienza ha permesso di gestire, sin dalla fase acuta, il paziente con patologia erniaria e passare poi, insieme alla medicina specialistica, ad affrontare diversi percorsi di cura e riabilitazione; in altri casi si è seguito il percorso chirurgico (NCH o Chirurgia Ortopedica Vertebrale).

Vengono trattate le metodiche Motion Tecar e Frems™ che, in sinergia con la terapia manuale, diventano un percorso riabilitativo di sicura efficacia in questa patologia.

Il Corso ha quindi l’obiettivo di dare indicazioni riabilitative per mezzo dell’utilizzo della terapia strumentale nella lombosciatalgia acuta e cronica.

Quota d’iscrizione

€ 50,00 + IVA .

E.C.M. – Educazione Continua in Medicina

Evento n° 4695 – 153361
Il Corso assegna 7 crediti ECM ed è accreditato per 70 discenti tra fisioterapisti e medici chirurghi.
Discipline: Fisiatria, Ortopedia, Reumatologia, Medicina Interna, Geriatria, Medicina dello Sport, Diabetologia
Saranno accettate le prime 70 richieste pervenute via @ o fax alla Segreteria Organizzativa. 

Gianluca Bernabei – Relatore

Diplomato nel 1991 a Bologna in massofisioterapia, si specializza successivamente in fisioterapia strumentale, riprogrammazione posturale, posturologia clinica (Bricot) e riabilitazione sportiva.
Intraprende poi il percorso di ricerca clinica e sperimentazione di nuove tecnologie nell’ambito della riabilitazione, con particolare attenzione alla Diatermia (Tecar terapia).
Inizia quindi una collaborazione con numerose società sportive e centri di eccellenza.
È Fisioterapista della FISI durante le Olimpiadi di Torino 2006.
Consulente e fisioterapista Team Ferrari – Maranello.
Clinica mobile Dr Costa MotoGP.
Consulente Team Treviso Volley e Basket, FIDAL (Atletica Leggera), FIR (Rugby) Nazionale Under 21.
Consulente esterno FISI – Federazione Italiana Sport Invernali, AC Milan, Internazionale FC, Udinese Calcio, SS Lazio, AS Roma, esperto per i trattamenti di recupero degli atleti con la Diatermia capacitiva e resistiva. Dal 2002 al 2015 ha formato più di 2200 tra fisioterapisti e medici all’uso di tecnologie innovative nell’ambito riabilitativo, ha collaborato con Enti di Ricerca (Istituto Italiano di Tecnologia – Genova) e con l’Università Federico II di Napoli e La Sapienza di Roma, come docente in corsi di formazione.
È coautore di pubblicazioni scientifiche, particolarmente nell’utilizzo della Diatermia in varie patologie.
Ha fondato un Centro di Recupero e Rieducazione Funzionale di 1° livello per produrre dati di ricerca clinica con l’integrazione di varie tecnologie per la valutazione funzionale, sviluppando specifici protocolli terapeutici.

Segreteria Organizzativa


FOR.MED

FOR.MED. SRL
Provider Id. 4695
Via T. Pendola, 7/1
16143 Genova
Fax: 010 504704
Email: corsi@formedsrl.com

frems
mt
mt
FREMSLIFE NEXT EVENTS
fremslife

L'accesso alla visualizzazione dei prodotti e al materiale informativo è riservato agli operatori del settore in ottemperanza alla legislazione vigente. Fremslife richiede di qualificarsi come professionista per procedere con la navigazione.

Decreto Legislativo 24 febbraio 1997, n. 46 Articolo 21 1. È vietata la pubblicità verso il pubblico dei dispositivi che, secondo disposizioni adottate con decreto del Ministro della Sanità, possono essere venduti soltanto su prescrizione medica o essere impiegati eventualmente con l'assistenza di un medico o di altro professionista sanitario. 2. La pubblicità presso il pubblico dei dispositivi diversi da quelli di cui al comma 1 è soggetta ad autorizzazione del Ministero della Sanità. Sulle domande di autorizzazione esprime parere la Commissione di esperti prevista dall'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 541, che a tal fine è integrata da un rappresentante del Dipartimento del Ministero della Sanità competente in materia di dispositivi medici e da uno del Ministero dell'Industria, del commercio e dell'artigianato.

Sei un operatore sanitario?

SI     NO